giovedì 15 maggio 2008

Affissioni abusive: la Finanziaria 2007 viene in aiuto

sopra: una delle immagini delle affissioni abusive effettuate dal
Sig. Gargano a Bagheria (PA) per le elezioni di Giugno 2008

Ricevo e, anche se non si tratta di Roma, pubblico:

Ciao Martina,
sono venuto a conoscenza del tuo blog subito dopo la vicenda che mi è capitata oggi pomeriggio nel mio paese, Bagheria, in provincia di Palermo. Sono uno studente di 20 anni, e premetto di non avere preferenze politiche nè tanto meno di avere un politico che mi rappresenti nè a livello comunale, nè provinciale, nè nazionale.
Tra qualche settimana a Bagheria ci saranno le elezioni comunali, e come al solito si ricomincia coi manifesti abusivi..ma stavolta hanno proprio passato il segno. Come vedrai dalle foto, 3 intere pareti sono state tappezzate con un solo cognome: Gargano. Quel Gargano Tommaso, che altro non ha che una licenza media superiore, che mi ha beccato dopo qualche secondo che stavo strappando i suoi simpatici e "originali" manifesti.
Era insieme ad altri 2 tipi loschi, gente senza voce in capitolo, mossa dal solo istinto di difendere il proprio padrone, con argomentazioni non troppo valide. Prima di tutto hanno iniziato minacciandomi di chiamare i vigili...minaccia che si è subito ripiegata una volta che hanno visto che ero io il primo a volerli chiamare.
Subito dopo mi hanno dato del comunista e bla bla, hanno chiesto come mi chiamavo, dove vivevo, chi erano i miei genitori.
Mi hanno accusato di "Discarica Abusiva" per via della carta che era caduta a terra, a niente è servita la mia citazione all'articolo che vieta l'affissione su quelle pareti, anzi, mi hanno detto che non avevo l'autorizzazione per togliere qualcosa di illegale!
Alla fine del simpatico dialogo mi hanno fatto intendere con aria minacciosa che non avrò futuro lavorativo e che la mia carriera crollerà prima di iniziare, solo per aver pestato i piedi ai membri della famosa casta.
Ti scrivo, più che per sfogarmi, per chiederti dei consigli...
(..)Cosa posso fare??
Non me ne frega proprio nulla di politica e politicanti (..), ma non posso tollerare che sporchino in questo modo le pareti e la dignità del mio paese.
Denunciando ai vigili difficilmente avrò riscontro, cosa mi consigli di fare?
Le foto parlano da sole..(..) scusa per l'email così lunga.
Big up per MiglioraRoma! Andate avanti così..
Gabriele
--
Caro Gabriele, sei stato bravo e coraggioso (la prossima volta io andrei però con un aiutante, che possa fungere da testimone, anche in caso di eventuali contenziosi). Probabimente puoi fare un esposto ai Vigili con copia al tuo Comune, perchè il Signor Gargano ha violato la legge. La Finanziaria 2007, come si legge in questo documento inviatomi dal Comitato Sisto IV, dice infatti:

"Art. 20.1. - (Oneri per la rimozione dei manifesti affissi in violazione delle disposizioni vigenti). - 1. Ai fini della salvaguardia degli enti locali, a decorrere dal 1° gennaio 2007, gli oneri derivanti dalla rimozione dei manifesti affissi in violazione delle disposizioni vigenti sono a carico dei soggetti per conto dei quali gli stessi sono stati affissi, salvo prova contraria".

Se qualche Avvocato può venirci in aiuto e consigliarci sul da farsi, ne saremo felici.
Nel frattempo, Gabriele (e chiunque voglia farlo), puoi scrivere al Sindaco di Bagheria (sindaco@comune.bagheria.pa.it) per lamentarti del comportamento incivile di uno dei Consiglieri Comunali.

13 commenti:

Mario Sabatino ha detto...

Chiama i Vigili e chiedi che verbalizzino. Se non lo fanno chiama i Carabinieri ed esponi l'accaduto senza valutazioni e limitandoti ai fatti (es. due persone si avvicinavano dicendo ecc. ecc.; oppure, i Vigili non intervenivano ecc ecc). Mai andare soli, può essere pericoloso. Non polemizzare tanto non serve a nulla. Se necessario scrivi ai Vigli e per conoscenza al Sindaco ed ai Carabinieri.

Comitato ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
rispetto ha detto...

Una panoramica riguardante il Municipio 18 di Roma

http://www.flickr.com/photos/25543246@N03/

Ricordiamo i nomi di chi non ama il quartiere per NON VOTARLI la prossima volta!

Martina ha detto...

scusate Comitato, errore corretto, ora inserisco anche il vs link. Grazie.

Comitato ha detto...

Grazie a Martina

Noi del Comitato Sisto IV stiamo promovendo una campagna di sensibilizzazione sul tema

_____________________________

COMITATO DI QUARTIERE SISTO IV

Nucleo Ambiente e Monitoraggio

http://utenti.lycos.it/comitatosistoquarto/

comitato_sisto_quarto@hotmail.it

Segnala le affissioni abusive in modo che gli oneri della loro rimozione saranno richieste dal Comune ai soggetti committenti e non più ai Cittadini attraverso le imposte locali !!!!!

Scarica dal sito e facci avere la segnalazione

Collabora con noi, cioè con te stesso!!

Grazie a tutti noi da tutti noi!!


_____________________________

Martina ha detto...

sono sempre dell'opinione (e desiderio) di lanciare la "giornata dello strappo del manifesto abusivo" nelle città italiane: un giorno in cui i cittadini (in gruppi) si ribellano al degrado provocato dai politici strappando i loro manifesti dai posti non consentiti..

come sarebbe bello..

Anonimo ha detto...

Sarebbe bello, però in alcuni Municipi,alcuni cittadini che hanno avuto da ridire (senza strappare nulla), sono stati minacciati da alcuni attivisti
Purtroppo lo schieramento degli attivisti, malgrado tutto, è risultato vincente

Rispettiamo la maggioranza ...

Martina ha detto...

Io rispetto chiunque ottenga i voti, pero' non rispetterò mai chi infrange la legge, per cui questi attivisti, mi spiace per loro ma non avranno MAI il mio rispetto, perchè deturpano illegalmente la città ed il bene comune.

Io farei loro (personalmente) delle mega multe e poi li costringerei a togliere TUTTi i loro manifesti (a mano!) pena la galera!

Sono sicuro che se queste cose le fai in un paese del Nord vai a finire dritto in cella, altrochè rispetto!

Gabriele ha detto...

Ovviamente il sindaco non si è degnato di rispondere, comunque sia il candidato in questione ha replicato alla mia lettera in puro stile politichese. Il suo intervento, insieme alla mia email, sono stati pubblicati al seguente link: http://www.bagherianews.com/bnews/content/view/992/71/
Senza parole..

Martina ha detto...

ho letto la sua lettera, Gabriele, è vero, gettare carta/altro materiale per terra (inclusi i suoi manifesti) è vietato, per cui è giusto che quando si strappano se abusivi- dai muri vengano riposti in cestini o buste che poi si gettino (non nella differenziata perchè le cartiere non li accettano: troppa colla o colori, non si sa, ma un direttore dell'Ama mi ha avvertito di questo fatto).

Però che lui scriva "sono vicino ai temi ambientalisti" o che è amante del decoro è pari a che io dica: io amo il confronto di idee pacifico e poi vada lì e gli sferri un bel pugno in faccia!

Che lui si sia messo o meno daccordo con il proprietario dell'immobile (sappiamo poi il prezzo che le città ed i cittadini pagano per gli "accordi" tra politici e commercianti o chiunque altro, questo ne è solo un esempio), non importa: affiggere manifesti sui muri è vietato, per cui lui dovrebbe incorrere in una multa che copra almeno i costi della rimozione in piu' i costi per la collettività di aver sopportato questo scempio del decoro di una città (io aggiugnerei anche i costi che derivano dall'effetto imitazione da parte di altri)

Uno non si puo' lamentare che il sistema funziona così e poi seguirlo quando le sue 'usanze' sono fuorilegge.

Le liste di Grillo per esempio che sono veramente ambientaliste (non cosme questi signori) hanno deciso di non stampare nè affiggere manifesti sui muri, nè in maniera legale, nè abusiva.

La coerenza e la parola per alcuni valgono ancora (e a me piace pensare di stare tra loro, il Signor Gargano purtroppo non è dei nostri)

Saluti.
Martina

Bisco ha detto...

Pensa te che storia. Sti bulli di quartiere mi fanno sempre prudere molto le mani.

Martina ha detto...

credo che noi e il Signor Gargano veniamo come dire, da due pianeti diversi

o saremmo adatti a due paesi diversi..noi forse piu' alla Danimarca (come mi diceva un mio collega: "martina, tu staresti bene dalla Danimarca in su"), lui ..boh (dovè che stanno quelli come lui? a parte l'Italia intendo..)

come glielo spieghi che quello che fa è obbrobrioso?

io non saprei da che parte iniziare

è inutile pensare alle maniere forti, Bisco..cosi' si scende verso i livelli bestiali, no? qua ci dobbiamo elevare spiritualmente (almeno quello)

ciao

Comitato ha detto...

Per l'esattezza

La legge 27-12-2006 (Finanziaria 2007) con l'art. 1 comma 157 ha modificato, con decorrenza 01
gennaio 2007, il decreto legislativo 15 novembre 1993, n. 507, che regola, tra l'altro, le affissioni
abusive, inserendo il seguente articolo:
"Art. 20.1. - (Oneri per la rimozione dei manifesti affissi in violazione delle
disposizioni vigenti). - 1. Ai fini della salvaguardia degli enti locali, a decorrere
dal 1° gennaio 2007, gli oneri derivanti dalla rimozione dei manifesti affissi in
violazione delle disposizioni vigenti sono a carico dei soggetti per conto dei quali
gli stessi sono stati affissi, salvo prova contraria".