giovedì 26 maggio 2011

Grazie Servizio Giardini!


sopra: la nuova recinzione dell'area gioco di Villa Borghese

Dopo la nostra richiesta del 15 Maggio u.s. il Servizio Giardini ha prontamente installato una recinzione intorno all'area gioco di Villa Borghese.

Un ringraziamento a tutto il Servizio ed in particolare al Dottor Vallorosi, Direttore del Servizio e  Giancarlo Quarchioni responsabile della Villa per la rapidità di installazione (e la qualità dello steccato). Grazie infine a tutti i lettori che hanno aiutato  questo Blog nella richiesta, inviando le loro email.

domenica 22 maggio 2011

23-24 Maggio: Presidio per i Referendum a Montecitorio

Ricevo dal WWF e pubblico:

PRESIDIO PERMANENTE
PER I REFERENDUM E LA DEMOCRAZIA
23 - 24 maggio Roma / Piazza Montecitorio

Prima hanno impedito che i referendum si tenessero insieme alle amministrative, sprecando 400 milioni di euro. Poi hanno rinviato l’approvazione del regolamento per la RAI di un mese ed hanno messo in atto una censura sistematica per nascondere i referendum del 12 e del 13 giugno.
Ora stanno tentando di cancellare il referendum sul nucleare e di rubare agli italiani anche il diritto di dire la loro.
Vogliono avere le mani libere su acqua pubblica e energia atomica. Un'operazione vergognosa che indebolisce la democrazia, toglie agli italiani la possibilità di scegliere per sé e per il Paese un futuro più moderno, sostenibile e giusto. E mira a regalare favori e miliardi alle solite lobby economiche e finanziarie. Ma gli italiani non ci stanno. Vogliono far sentire la propria voce e stanno chiedendo con forza di non vedere offeso il diritto ad esprimersi liberamente su acqua e nucleare.
Per questo i comitati referendari hanno deciso di lanciare una mobilitazione permanente davanti Montecitorio il 23 e 24 maggio – giorni in cui il Parlamento deciderà sul decreto Omnibus che contiene la finta uscita dal nucleare: per dire no all'approvazione di un testo che, provando a cancellare il referendum senza dare realmente l’addio al programma atomico, è una presa in giro degli italiani e un’offesa ai loro diritti.
Chiamiamo tutti e tutte a difendere il diritto al voto, all'informazione ed alla democrazia.

PROGRAMMA:

23 maggio h. 14 - 24: Tenda per la democrazia Interventi, letture di artisti e intellettuali e veglia serale
24 maggio h. 10 - 24: Interventi, microfono aperto e performance


Per informazioni:

www.referendumacqua.it 
www.fermiamoilnucleare.it 

giovedì 19 maggio 2011

Fermiamo lo scempio di Villa Borghese

Click to play this Smilebox slideshow
clicca sull'immagine sopra per vedere la presentazione

E' un giro d'affari arrivato alla bella cifra di 3 milioni di euro quello che ruota ogni anno intorno al concorso ippico di Piazza di Siena. Sarà per questo che gli organizzatori hanno espanso, di anno in anno, il concorso vero e proprio in un evento che trasforma non solo Piazza di Siena, ma tutta la parte centrale -e più bella- di questo storico parco ("un museo a cielo aperto", come recita bene il sito ufficiale del Concorso) in una fiera, con stand, ristoranti, discoteche e open bar - che  niente hanno a che vedere con le gare sportive. 
Il concorso dura tre giorni, ma le strutture occupano il Central Park della Capitale per circa due mesi (maggio e giugno).

Due mesi in cui il parco:

1. E' inagibile al pubblico: barriere e recinti ovunque, impalcature, gruppi elettrogeni, ecc.. La parte più centrale e bella del parco viene occupata dal transito costante di mezzi (camion, trattori, gru..) che qui sono vietati per legge (la Carta di Firenze vieta il passaggio e il parcheggio di veicoli e mezzi pesanti nei giardini storici)

2. La tranquillità della Villa viene sostituita da rumori di mezzi pesanti e puzza di smog, inoltre il parco diventa pericoloso per i cittadini che devono fare lo slalom tra bus, tir, trattori e gru telescopiche che si muovono invece con totale nonchalance (viva la "sicurezza" italiana!) per le sue vie ed i suoi i prati. A rimetterci, in primis i bambini che non hanno più -neanche qui- uno spazio tranquillo e sicuro dove correre e giocare in pace senza dover fare dei chilometri per uscire dalla Capitale.

3. Piazza di Siena è stata martoriata e distrutta da questi eventi: anni fa al centro dell'ovale vi era un manto erboso che veniva ripiantato ogni anno. Per colpa del concorso, quel prato è stato sostituito dalla sabbia. E per risparmiare, è stato deciso di lasciare la sabbia tutto l'anno.
Un tempo sul prato si giocava a palla, ora neanche più quello è possibile, la sabbia infatti non è fruibile neanche dai bambini perchè intrisa di peli. Oltre a ciò, è stata decisamente variata l'estetica del Parco in modo arbitrario. 

 4. La vegetazione storica intorno alla Piazza è stata danneggiata in modo irreparabile. Le impalcature degli eventi vengono appoggiate, ogni anno, sulle pluricentenarie siepi di bosso, oltre che sulle basi di lecci, olmi e pini secolari. Queste siepi hanno impiegato 150 anni per arrivare all'altezza attuale e con ogni evento ne viene uccisa qualcuna (oltre a olmi e lecci pluricentenari che rischiano di essere abbattuti a causa delle ferite inferte dalle pedane, dai mezzi pesanti e dalle strutture metalliche).

Piazza di Siena in sintesi provoca danni a questa Villa storica, ne impedisce l'utilizzo per due mesi l'anno ai cittadini ed in definitiva crea un vero e proprio danno erariale. Tutto questo perchè i suoi organizzatori devono guadagnare qualche milione di euro!

Se anche Voi non ci state, potete copiare il testo della mail di seguito ed inviarlo a questi indirizzi:

A:
Gabinetto del Sindaco
Assessore all'ambiente
Sovrintendenza di Stato
Responsabile - Sovraintendenza Comunale
Sottosegretario di Stato ai Beni e alle Attività Culturali


email: ld.gabinetto@comune.roma.it, ld.ambiente@comune.roma.it, patrizia.cavalieri@comune.roma.it, antonio.mucci@comune.roma.it, umberto.broccoli@comune.roma.it, giovannaalberta.campitelli@comune.roma.it, segreteria.giro@beniculturali.it, fernando.urciuolo@beniculturali.it

Oggetto: contro il concorso ippico a Villa Borghese

"Egregi Signori,

Vi scrivo per chiederVi di ridimensionare o trasferire il Concorso ippico di Piazza di Siena fuori dal parco storico di Villa Borghese (per esempio al Galoppatoio, come avete recentemente fatto per i concerti) in quanto ogni anno l'evento che Vi ruota intorno crea notevoli disagi per i cittadini, oltre che danni irreparabili alla Villa.

Per due mesi la parte centrale e più bella del parco viene invasa da mezzi pesanti che rendono inagibile la Villa oltre che pericoloso il gioco dei nostri figli. Il parco per due mesi viene sequestrato a noi cittadini per fare guadagnare qualche sponsor. A farne le spese oltre a noi anche piante ed alberi che da secoli adornano questa Villa protetta come monumento naturale, storico e artistico da leggi di Stato, regionali, e convenzioni internazionali.
Un museo a cielo aperto, noto a livello internazionale, che noi tutti abbiamo il dovere di rispettare e difendere.

Se è vostra intenzione continuare a realizzare eventi di questa portata sarebbe doversoso da parte Vostra trasferire concorso e relativa fiera (stand, open bar, discoteche, ecc) in un luogo alternativo e più consono.

Vi ringrazio ed in attesa di un Vostro gentile riscontro Vi porgo

Cordiali saluti,

(nome, cognome, indirizzo)


qui potete visionare una presentazione con le immagini di quanto descritto sopra"

sopra: allestimenti per il concorso ippico (18.5.11)

Guarda lo slideshow dell'Associazione Gli Amici di Villa Borghese

Guarda altre fotografie scattate il 18/5 u.s.

AGGIORNAMENTO del 19/5/11: qui le fotografie del cantiere con i mezzi sul prato invece che sulla strada come da autorizzazione del Comune.

AGGIORNAMENTO DEL 22/5/11: Repubblica ha pubblicato un articolo con fotografie e anche un link alla lettera qui sopra.

AGGIORNAMENTO DEL 26/5/11: Repubblica pubblica la risposta del Comitato Organizzatore del Concorso e un successivo comunicato degli Amici di Villa Borghese.

AGGIORNAMENTO DEL 29/5/11: Repubblica ha pubblicato un nuovo articolo sulla notte di Piazza di Siena

domenica 15 maggio 2011

Chiediamo una recinzione per l'area gioco di Villa Borghese

sopra: l'area giochi lungo Viale Madama Letizia 
L'anno scorso questo blog ha ottenuto, grazie all'aiuto di tanti lettori che hanno inviato la loro richiesta  via email, la realizzazione di una piccola area gioco a Villa Borghese
Questo importante parco della città, che gli Americani chiamano il Central Park di Roma, fino a quel momento infatti non aveva neanche un'altalena per i suoi frequentatori più piccoli.
Il Servizio Giardini del Comune ha installato rapidamente i giochi nel parco, ma li ha posizionati accanto ad una strada da cui sbucano spesso vari tipi di mezzi veloci  quali mezzi elettrici, biciclette e risciò ma anche trattori, senza una recinzione che li separi dalla strada stessa.
Questo fa sì che i bambini, possano sfuggire al genitore (succede) e, correndo in strada, finire in pericolo. 

Perchè aspettare che succeda una disgrazia?

Chiediamo al Servizio Giardini di installare rapidamente una recinzione, anche bassa, o almeno uno steccato con un cancelletto, che separi i giochi dei bambini dalla strada asfaltata (Notare che le aree gioco in genere sono recintate proprio per la sicurezza dei bambini e la tranquillità degli adulti) .

Potete copiare ed incollare la mail qui sotto inviandola al Comune (cliccare qui per gli indirizzi):

"Egregi Signori,

Vi scrivo perchè con la mia famiglia frequento il Parco di Villa Borghese e l'area gioco per bambini da Voi recentemente installata accanto a Viale Madama Letizia.
I giochi sono stati posizionati accanto ad una strada e ad un arco, da cui sbucano spesso vari tipi di mezzi veloci quali mezzi elettrici, biciclette e risciò ma anche grossi trattori. Senza una recinzione intorno ai giochi, uno dei bambini potrebbe sfuggire al controllo degli adulti e correre in strada, finendo sotto uno di questi mezzi. Perchè aspettare che succeda una disgrazia? Una recinzione intorno ai giochi o almeno uno steccato di separazione con la strada renderebbe certamente più sicuro il gioco dei nostri bambini.

In attesa di un Vostro cortese riscontro Vi ringrazio e Vi porgo

Cordiali saluti,

(nome, cognome, indirizzo)"

AGGIORNAMENTO DEL 16/5/11: Il Direttore del Servizio Giardini, ricevute alcune email, mi ha gentilmente risposto che ha chiesto ai suoi collaboratori di verificare la situazione e spera di risolvere presto il problema.
Casualmente oggi al parco ho incontrato anche Giancarlo Quarchioni che è il Responsabile della Villa e che mi ha spiegato che per mettere la recinzione dove la chiediamo noi devono risolvere alcune questioni, quali ad esempio trovare un accesso alternativo alla zona di parco antistante l'area gioco per le loro tosaerba, visto che nel resto del perimetro in questione vi sono i cespugli, in secondo luogo va installato uno steccato che non venga distrutto dai vandali.
Una recinzone alta verrebbe utilizzata dai senza tetto come rifugio, mentre una bassa sarebbe abbattuta dai vandali in breve tempo (forse gli stessi che continuano a tornare sui giochi in questione e imbrattarli con i pennarelli o piegare i giochi a molla)..speriamo si trovi una via di mezzo!

Purtroppo non è solo la burocrazia o la mancanza di soldi che ci rendono arretrati in termini di servizi, rispetto a tanti altri Paesi, ma anche la presenza di cittadini non rispettosi del bene comune, il che fa veramente rabbia.

AGGIORNAMENTO DEL 26/5/2011: Il servizio Giardini ha installato la recinzione!

venerdì 13 maggio 2011

Roma contro i disabili: Piazza Bologna

 sopra: via pigorini  

Ricevo e pubblico:

"Vi volevamo segnalare un triangolo nemico ai disabili presso

1. Via Livorno: auto e moto parcheggiate sul marciapiede (sma-hotel s.giusto)
2. Piazza Lotario: parcheggio selvaggio di moto e automobili sui marciapiedi e sulle strisce e
3. Via Luigi Pigorini: presente un solo marciapiede, stracolmo di auto e moto con l'aggiunta delle buche.

In queste vie non vi è alcuna presenza di agenti della Polizia Municipale!

Nulla è stato fatto da quando, un anno fa molti di noi, stanchi delle auto e moto sui marciapiedi,  abbiamo cominciato a denunciare alle autorità questo disagio: i disabili sono INTERDETTI da via Luigi Pigorini e Piazza Lotario.
I marciapiedi non sono percorribili a causa delle buche (e del cantiere della Metropolitana da richiudere, ormai deserto) e della presenza di moto e auto costantemente parcheggiate di traverso.

Tutti i giorni i passeggini e le carrozzelle dei disabili abitanti su queste vie devono necessariamente e pericolosamente passare sulla strada, dove transitano ad alta velocità le automobili che puntualmente suonano ai pedoni.
Il passaggio davanti al circolo Nomentano e alla Sma è ugualmente impedito a causa dei banchetti degli ambulanti e delle auto costantemente presenti che lo rendono inagibile a pedoni e disabili. Vi allego qualche foto.

A. Veronesi"
--

Inoltrerò la segnalazione alla Polizia Municipale, sperando che elevino contravvenzioni alle vetture in divieto e verifichino la situazione di buche e ambulanti.

martedì 3 maggio 2011

Ostia: rottweiler libero e pericoloso in Via Mar Rosso

Ricevo e pubblico:

"Gentili sigg.ri
Vi inoltro una delle mie ultime mail al Comune in merito ad una situazione di pericolo che si verifica da un paio d'anni ad Ostia in zona Stadio Stella Polare ai danni dei cittadini residenti a causa di un cane razza rottweiler che vive con i baraccati della comunità romena alla fine di via mar Rosso che viene da loro lasciato libero di circolare senza museruola e senza alcun controllo. Ha già attaccato 3 cani con padroni, una signora con bambino in braccio ma la Municipale afferma di non aver mai incontrato questo cane! Quindi noi cittadini siamo tutti mitomani e visionari? Ora si rende necessario un esposto ovviamente ma nel frattempo vi giro la mail, non si sa mai.

Alida Piccoli
--

Spero che la Polizia Municipale si attivi al più presto per scongiurare qualche incidente grave, soprattutto trattandosi di un tipo di cane notoriamente pericoloso!

lunedì 2 maggio 2011

Via Conca d'oro: ambulanti e mendicanti davanti al Todis



Ricevo e pubblico:

"Ciao a tutti,
La presente per mettervi a conoscenza di uno stato di degrado in cui versa un tratto di Via Conca d'oro, nello specifico all'ingresso di un discount (civico 291) e immediatamente adiacente all'ingresso di un palazzo (civico 289) in quest'ultimo vivono circa 60 condomini, tra cui io. Il venditore ambulante fa il suo mercatino, tranquillamente, da circa 7 anni; invece il disabile rom, che chiede l'elemosina è, per l´intera giornata, sotto casa [nostra n.d.R.] da circa due mesi.
In allegato, invio qualche foto e, in due immagini, si può vedere l'immondizia che lascia a terra il mendicante. La panoramica, come potrete vedere dalle foto, non è bella.
Questa è ROMA CAPITALE?
A voi i commenti.
Grazie per l'attenzione.



L. G. "

--

Consiglio: sentire la Polizia Municipale sulle possibilità di intervento e "rimozione" di ambulante e mendicante.