mercoledì 2 aprile 2008

Giornata dello strappo del manifesto abusivo: video reportage



Durante questa campagna elettorale più che in ogni altro periodo dell'anno, Roma è piena di manifesti abusivi. In particolare manifesti elettorali. Su questo Blog abbiamo più volte segnalato come molti partiti (chi più chi meno, alla fine quasi tutti) si facciano beffa del decoro della città che pretendono di andare a governare in nome dell'auto-pubblicità e affiggano i propri poster non solo negli spazi consentiti, ma anche e soprattutto su muri di palazzi, su impalcature, sui cassonetti dei rifiuti dell'Ama, sulle campane del riciclo, insomma su qualunque superficie piana che trovino libera. La città è diventata un grande manifesto elettorale.
La cosa triste è una, anzi sono due:
Primo: questi partiti, imbrattatori di Roma, non vengono ritenuti responsabili dei manifesti affissi illegalmente, ma, se mai venissero presi sul fatto, i responsabili sarebbero coloro che affiggono materialmente il manifesto e non i loro committenti (come sarebbe giusto secondo chi scrive).
Secondo: chi pensate pagherà per ripulire la città dai manifesti abusivi? Il Comune, chiaramente, quindi i cittadini con le proprie tasse!
Senza parlare dello spreco di carta (e quindi di alberi) che si verifica visto che ogni manifesto viene puntualmente ricoperto da altri dieci diversi nel giro di qualche giorno (sempre abusivi).

Vi sembra giusto?

A molti cittadini -inclusa la sottoscritta- no! La lista civica "Amici di Beppe Grillo per esempio, ha fatto una regola, per questa campagna elettorale, di non stampare nè affiggere manifesti in giro per la città. Non solo, ma i cittadini del 3° Municipio che hanno dato vita alla lista civica Amici di Beppe Grillo nel loro Municipio di appartenenza, si sono spinti anche oltre: hanno infatti organizzato "la giornata dello strappo del manifesto abusivo". Si sono cioè rimboccati le maniche e si sono messi a strappare i manifesti affissi abusivamente sui muri del palazzi del loro quartiere.

Ci si sarebbe aspettati almeno il plauso da parte degli altri cittadini, perchè questo, come minimo è quello che ognuno di noi dovrebbe fare (visto che la normativa non ci viene in aiuto, sarà perchè è pensata da molti di quegli stessi che imbrattano la città dei loro poster?) per dare quantomeno un segnale ai politici che vogliamo una città più pulita.
Invece è successo diversamente..guardate il video.


14 commenti:

Anonimo ha detto...

B R A V I S S I M I.

Consiglietto di "esperto": nei giorni di pioggia vengono via come il burro a centinania e lasciano il muro pulito...

Il 95% (statisticamente significativo) sono del partito della GGGente della libbbbertà diFCazP, perfetto esempio della scuola di Corrottolo, il TricoTrapiantato padano insieme all'istigazione all'evasione fiscale, ai condoni di ogni abuso, alla demolizione del residuale senso dello Stato subitalico, alla tecnica del chiagn 'o muorto e frega 'u vivo

AVe caiofabricius VALE

Martina Battistich ha detto...

Grazie Fabrizio.

Mi piacerebbe che questa iniziativa fosse adottata dalle tante associazioni di cittadini che ci sono a Roma e venisse effettuata ogni anno, che so..magari 2 domeniche prima di qualunque elezione, in tutta Roma.

sarebbe bello..

Martina Battistich ha detto...

Un Responsabile dell'Ama a cui ho inviato il post mi ha scritto, tra altre cose, che:

Un'altra nota negativa sulla piaga dei manifesti, e che non sono neppure buoni per un recupero in cartiera: la quantità di colla e forse anche il tipo di stampa, fan si che le cartiere di Comieco non vogliono tali rifiuti nella RD [Raccolta Differenziata N.d.T.] della carta!
(Dannosi prima e dopo...)

Martina Battistich ha detto...

Secondo me dovremmo stabilire una data una volta l'anno (o ogni x mesi) e fare la giornata dello strappo in tutta Roma.

In caso di elezioni la fisserei per un giorno un paio di settimane prima delle elezioni (o 1 prima) o l'ultimo giorno di campagna elettorale, magari.

E poi cercare adesioni in tutti i comitati-associazioni di cittadini di Roma.

Obiettivo: avere migliaia di persone che ogni anno in un dato giorno si mobilitano nei vari quartieri per la giornata dello strappo del manifesto abusivo (elettorale o pubblicitario che sia), potremmo fare magliette, cappellini ecc che indossiamo tutti durante quel giorno per farci riconoscere da altri cittadini, poi ogni gruppo fa delle riprese o foto e apriamo un sito dove le postiamo (o anche su flickr con tag "strappo-day").

Ottimisticamente magari riusciamo anche ad invertire la tendenza ad imbrattare Roma. Se la gente sa che altri cittadini ti strappano il manifesto abusivo alla fine non spreca nemmeno piu' i soldi..


Pensa che bello: Roma piena di cittadini che la ripuliscono: farebbe notizia al telegiornale!! e magari la farebbero anche altre città

Anonimo ha detto...

Caiofabricius dixit: ..."Consiglietto di "esperto": nei giorni di pioggia vengono via come il burro a centinania e lasciano il muro pulito..."

Sta piovendo alla grande...co' du' dita vanno via 3 kili de falsi faccioni sudai all'opera!

AVE caiofabricius VALE

Mirko ha detto...

Scusate un secondo: ma prevenire?Io ne vedo tanti che attaccano, invece di lavorare noi (dato ch eun lavoro lo abbiamo già) dovremmo far pagare salato a chi li attacca.
Cmq iniziativa eemplare. Se poi volete spostarvi anche qui a MArconi di carta ce n'è a bizzeffe.
M.

Martina Battistich ha detto...

Mirko, non in questo post ma in uno degli altri, recenti di questo Blog, qualcuno (Comitato Ponte Sisto se non erro) ha postato la normativa e..in sintesi i mandanti/committenti delle affissioni abusive NON SONO PERSEGUIBILI!!

bravi eh a far approvare le leggi ad hoc i nostri politici!?

Il Comitato si sta adoperando per fare cambiare la normativa, altrimenti nulla è fattibile perchè gli attacchini lavorano quando i vigili dormono ..

magari tra un po' inizio una petizione a questo proposito.

Comitato ha detto...

Salve
Ci chiamiamo
Comitato di Quartiere Sisto IV
Stiamo facendo una ricerca normativa sulla questione delle affissioni abusive, forse c'è qualche speranza!!
Intanto stiamo promovendo una campagna di sensibilizzazione pubblica sulla questione raccogliendo segnalazioni e fotografie sull'argomento, per continuare a farle confluire in esposti periodici alle autorità competenti già inviati o segnalati in vario modo finora
Noi operiamo nel territorio del XVIII Municipio, eventuali segnalazioni e collaborazioni sono ben accette!
Scarica dal nostro sito le schede di segnalazione e mandacele!
Scambiamoci informazioni qui sul blog!
Collabora con noi, cioè con te stesso!
Grazie a tutti noi da tutti noi!

Comitato di Quartiere Sisto IV
http://utenti.lycos.it/comitatosistoquarto/
comitato_sisto_quarto@hotmail.it

Comitato ha detto...

PS
Su alcune strade del Quartiere abbiamo già ottenuto la rimozione quasi completa dei manifesti!

Martina Battistich ha detto...

ops grazie della precisazione, Comitato.

Come avete fatto ad ottenere la rimozione dei manifesti abusivi??

Sono curiosissima..

Comitato ha detto...

Con gli esposti riepilogati nel sito e con segnalazioni telefoniche dettagliate e continue derivanti dai dati raccolti tramite le schede di monitoraggio scaricabili e tramite fotografie
Più siamo e più otteniamo, spero!

Martina Battistich ha detto...

qualche foto di affissioni abusive (qui, e qui) o slogan per così dire curiosi (qui, qui e qui)
L'ultimo sarebbe vietato ai minori (non so come abbiano fatto a pubblicarlo..mah)

Martina Battistich ha detto...

Da Repubblica di oggi
http://www.repubblica.it/2008/04/sezioni/politica/elezioni-2008-tre/lista-grillo/lista-grillo.html

Manifesti? No grazie. Avanti con sfondi per pc, loghi e banner. Tra video-conferenze e collegamenti rigorosamente Skype per parlare delle cose da fare, Serenetta Monti s'è inventata un meet up contro i manifesti elettorali. Il video su You Tube è un documentario che racconta molto dell'Italia. Il presupposto è che in giro ci sono troppi manifesti, brutti e disordinati, un disonore per la città, un'offesa all'ambiente e uno spreco per la tasche. Così gli amici romani di Beppe Grillo sono andati in giro a staccare i manifesti e a ripulire i muri dove l'affissione è vietata. I vigili non lo fanno? Lo hanno fatto loro. Con qualche tensione strada facendo.
..

Comitato ha detto...

Noi del Comitato Sisto IV stiamo promovendo una campagna di sensibilizzazione sul tema

_____________________________

COMITATO DI QUARTIERE SISTO IV

Nucleo Ambiente e Monitoraggio

http://utenti.lycos.it/comitatosistoquarto/

comitato_sisto_quarto@hotmail.it

Segnala le affissioni abusive in modo che gli oneri della loro rimozione saranno richieste dal Comune ai soggetti committenti e non più ai Cittadini attraverso le imposte locali !!!!!

Scarica dal sito e facci avere la segnalazione

Collabora con noi, cioè con te stesso!!

Grazie a tutti noi da tutti noi!!


_____________________________