mercoledì 28 novembre 2007

Tassisti in rivolta: la precettazione l'ultima arma?

immagine dal film "Taxi Driver"
Da Repubblica:

ROMA - Scoppia a Roma la rivolta dei tassisti. Occupata piazza del Campidoglio; bloccato il traffico nel centro. La proposta del sindaco Walter Veltroni di concedere altre 500 licenze ha suscitato la dura reazione della categoria che ha abbandonato la trattativa e ha dato vita ad una manifestazione improvvisata di protesta in piazza Venezia, dove il traffico è andato completamente in tilt. Grazie al tam-tam dei radiotaxi e dei telefoni, decine di auto bianche hanno invaso il centro della capitale, dal Teatro Marcello ai Fori Imperiali. Il clima è teso. Alcuni tassisti hanno ribaltato i cassonetti della spazzatura per bloccare il passaggio delle auto e degli autobus. Un fotoreporter ha ripreso la scena è stato allontanato a spintoni.
(..)

Ribatte l'assessore alla Mobilità del Comune Mauro Calamante: "Veltroni ha accolto la proposta di un aumento del 18 per cento sull'attuale piano tariffario, del supplemento di 2 euro per le corse da Termini e dell'apertura del tavolo istituzionale di concertazione sui problemi dell'abusivismo e del servizio noleggio con conducente. Parallelamente ha anche annunciato il potenziamento dell'offerta con nuove 500 licenze".

Proteste come queste, soprattutto con queste modalità, si vedono solo in Italia. Forse è ora che l'Amministrazione Capitolina reagisca con durezza nei confronti di questa categoria i cui comportamenti sono spesso degni di nota..negativa, a fronte di un servizio che si caratterizza per la scarsità dei mezzi a disposizione, nonostante prezzi, che a quanto
ho letto, sono di poco inferiori a Barcellona e Parigi e decisamente superiori a quelli di New York.

Telefono Blu riporta i dati relativi al numero di taxi per 1000 abitanti:

Washington 12
Barcellona 9,9
Londra 8,3
New York- Manhattan 8
New York City 6,2
Dublino 5,2
Stoccolma 4
Praga 3,9
Monaco 2,9
Parigi 2,5
Roma 2,1
Copenaghen 2,1
Berlino 2,1
Milano 1,6
Bruxelles 1,3

Bisogna inoltre considerare che a Roma, oltre agli abitanti transitano per le vie cittadine (e quindi necessitano di taxi) circa 25 milioni di turisti l'anno - sicuramente un numero maggiore di quelli che visitano Stoccolma, Praga, Monaco, Barcellona, Dublino, mentre Parigi, che ha il nostro stesso numero di taxi/abitante ha una rete metropolitana molto più capillare della nostra che è composta di sole due linee.
Pertanto è chiaro che nella classifica riportata sopra, se venissero considerati questi fattori, noi dovremmo essere posizionati più in basso di quanto non siamo. La situazione dei taxi è pertanto decisamente critica, a Roma (nel senso che non ce ne sono abbastanza).

Nonostante la carenza cronica di taxi della Capitale, i tassisti si ostinano a lottare contro l'ampliamento del numero delle licenze voluto dal Comune tramite scioperi e manifestazioni anche violente? Forse per farli ragionare bisognerà arrivare alla precettazione delle loro prossime manifestazioni!

19 commenti:

Constantine ha detto...

Aggiungi però che Roma ha solo 2 linee metropolitane! Milano ne ha 4 (ed è 1/8 di Roma), Berlino ne ha addirittura 23 (9 sotterranee + 14 di superficie).
Roma è la terza città più visitata d'Europa e ha un servizio taxi che fa PENA

Martina ha detto...

su Roma l'ho scritto, grazie per le informazioni sulle altre citta' Constantine.
Vedo che anche tu sei daccordo con me. Direi di estendere la nostra opinione anche ai giornali e al Comune, a questo punto (non solo i tassisti devono farsi vedere e sentire, no?)

manuele ha detto...

beh allora se ragioniamo così Roma di linee ne ha 9 (la A, la B e le 7 linee di ferrovia metropolitana + il leonardo express). Milano utilizza come 4 linea il passante ferroviario, una ferrovia suburbana conclusa solo nel 2004 che è un pò l'equivalente del RER parigino (a parigi ci sono però ben 12 o 13 linee di metro più altre 4 di RER..), poi c'è il malpensa express che però in città fa solo due fermate.
ad ogni modo, per non fare sempre le solite figure con gli stranieri è importante che la città di Roma abbia un maggior numero di taxi !

kenpachi1 ha detto...

ma sprangare a sangue questi facinorosi a sangue e togliere loro la licenza per un mese? Allora sì che saprebbero cosa vuol dire fare la fame e ci penserebbero dieci volte prima di bloccare la città. Ma tanto sanno che nessuno interverrà, vedi no-tav , ultras e compagnia.

Martina ha detto...

manuele,

ma dove sono queste 9 linee? la metropolitana a Roma ha due linee, la A e la B che io sappia.
La C, la D, ecc le stanno costruendo o le costruiranno, ma per ora ci sono solo due linee su cui si puo' contare per spostarsi, o sbaglio?

Ciao

Martina ha detto...

kenpachi, io alla violenza non mi sento mai di rispondere con la violenza, mica ci si puo' abbassare al loro livello (inteso anche come chackra - quelli bassi sono quelli piu' legati alla nostra natura animale, quelli alti al pensiero, ecc).

Secondo me si deve discutere ma se non si e' daccordo con il comune mica si possono rovesciare bidoni e fare deviare 35 linee di autobus!!

e magari anche picchiare qualcuno..

Ma in che paese siamo? L'auto- giustizia??

Questi non ci stanno con la testa..

Oppure, e qui pero' il discorso si allarga, le loro condizioni di vita sono talmente critiche che poi eslodono per un nonnulla..pero' la legge e' legge e non puoi andare a danneggiare il bene pubblico perche' non fa quello che dici tu e il tuo gruppo.

kenpachi1 ha detto...

esatto! la mia vuole essere una provocazione. purtroppo, in questo paese, troppe volte è successo che la violenza paga, anche perché non c'è la percezione di una autorità forte che sappia far rispettare l'ordine pubblico, e soprattutto che garantisca il bene comune.

Constantine ha detto...

Manuele, attualmente le linee ferroviarie urbane romane non sono per niente assimilabili alle metropolitane. La frequenza di passaggio dei treni metropolitani, è di 15 minuti (escluso ritardo), mentre la media dei tempi d'attesa delle linee metropolitane è di 3 minuti (compreso ritardo). Alcuni tratti delle linee ferroviarie urbane viaggiano su binari comuni, quindi i ritardi sono all'ordine del giorno.

Martina ha detto...

Scusa kenpachi1 non avevo capito :-)

Constantine sei una fonte di informazioni interessanti..bravo!

RondoneR ha detto...

Martina, come ho già avuto modo di dirti, concordo sul condannare le reazioni scomposte e pretestuose dei tassisti, tuttavia resta il problema traffico che non permette altre immissioni con tanta facilità.

Se il taxi non arriva (come l'autobus) è anche perchè è fermo, nel traffico.

Continuo a predicare la chiusura totale del Centro eccetto appunto mezzi pubblici e taxi. Allora saremo una città del Mondo. Allora i tassisti dovranno fare pippa e correre a basso costo ed essere tanti.

Nessuno a Manhattan si sogna di usare la macchina. Ma ti basta alzare un braccio per fermare un taxi.

Martina ha detto...

Rondone,

mi trovi daccordo all'80%:

Manhattan ha una metropolitana molto capillare, chiudere il centro (io inizierei dai pullman turistici) va benissimo (magari), ma se non mi dai alternative come mi muovo? L'autobus è impensabile, ci metti ore..

E anche a Manhattan non è che uno si possa sempre muovere in taxi, perchè comunque costa (anche se in 10 min. sei ovunque e al massimo spendi 6-7 Euro, ma Manhattan mi sembra sia piu' piccola di Roma, o sbaglio?)

pensieroincerto ha detto...

Tutti in galera !
A cominciare da quello che candidamente mi disse "ma io faccio il tassinaro a tempo perso, il mio vero lavoro è l'idraulico", ma col ca**o però che ha ceduto la licenza.
Tutti in galera, sti fasci, senza se e senza ma.

RondoneR ha detto...

Martina è vero, il centro di NY è più piccolo e più funzionale per il traffico (dato il blocks system degli edifici). Fatto sta che la Piccola Mela ospita al giorno fino a 15, 20 milioni di persone, roba che nemmeno tutto il GRA di Roma.

E' chiaro che noi non abbiamo la metro, ma solo chiudendo troverai autobus e taxi.

Altrimenti fai come me.

Bici.

Martina ha detto...

Mi sa che hai ragione, RondoneR

Un giorno avevo trovato sul sito del Comune i dati sul numero dei permessi che il Comuen concede a disabili, Residenti, Commercianti, ora non reisco piu' a ritrovare la pagina ma ricordo che c'erano 40.000 permessi per disabili (pero' ogni disabile ha 3 contrassegni e visto che il disabile a bordo c'è raramente conta 120.000, poi mi sembra di ricordare circa 4-500.000 permessi per residenti. I commercianti non li ricordo.

Poi abbiamo i politici, i giornalisti, ecc.

Chi si potrebbe tenere lontano dalla ZTL?

I residenti?
Se io risiedo in centro devo avere la possibilità di caricare qualcosa da portare a casa, per es, o se ho bambini e li devo portare dai nonni fuori Roma o andare io fuori città per qualche motivo, insomma in tutti questi casi come mi sposto, visto che bici e moto possono nonessere adatti, e mezzi pubblici nemmeno?

Le auto blu, ce li vedi i politici a andare a piedi o sulla Metro? ahah..qui in Italia non lo farebbero mai.

I commercianti? forse si, ma come caricano/scaricano, insomma un bel casino

Pero' in effetti se lo fanno a Londra..Io copierei, mettendo un bel ticket salato, che so 10€ al giorno se vuoi usare la macchina che devono pagare tutti (tranne i disabili-veri- ed i politici perchè in quel caso li pagheremmo noi).

RondoneR ha detto...

Guarda ieri ero era cena con lussemburghese che mi raccontava quanto portestarono ai tempi per la chiusura al traffico.

Residenti, commercianti, politici.
Poi si sono resi conto della miglioria. Ora sono vampiri contro ogni forma di passaggio di gomma che oltrepassi i propri limiti.

Io ti dico. Abito in centro. Ma preferisco mille volte parcheggiare fuori. Prendere un mezzo per fare carico, scarico, famiglia, cane, gatto, trasloco.

Perché so che farei meno fatica comunque. So che non avrò il problema parcheggio. So che non ci metterò 2 ore smadonnando e prendendo multe.

Ovvio che occorra una giustizia totale percui nessuno sia privilegiato senza una causa seria (nemmeno il nonnino mi va bene come portatore d'handicap, ed in ogni caso, solo in sua presenza ci può essere il permesso!)

Certo che se il capo dei vigili è il primo a trasgredire!

I politici prendano il taxi, così controllano se quelli fanno bene il loro lavoro.

La Casta se lo può permettere o no?

manuele ha detto...

.. intendevo dire le 7 FM e paragonarle alle 23 linee di superficie di berlino che in germania si chiamano s-bahn..

RomaCogitans ha detto...

Mi domando se abbia senso parlare di PRECETTAZIONE. Ci troviamo davanti a persone che hanno commesso in un solo colpo almeno tre reati (dettagli sul mio blog)… di questo passo arriveremo a precettare gli spacciatori e camorristi… E pensare che io ero cresciuto con l’idea che il rispetto del prossimo è sacrosanto e chi commette reati deve essere punito e può finire anche in galera… Certo, in un Paese dove si gode di una vacanza premio come pena per quadruplo omicidio, mi sembra giusto che la condanna massima sia la precettazione. Ma precettiamo pure Riina, già che ci siamo!

Vado ad ammazzare un poliziotto e poi torno: mi precetteranno, ma poi magari mi chiamano per l'isola dei famosi!

Martina ha detto...

Romac.,

Sei troppo forte.
In effetti hai ragione.
(Io il titolo al post l'ho messo il pomeriggio dello sciopero, quando non avevo ancora letto da nessuna parte della precettazione, ora l'hanno scritto tutti..quasi quasi lo cambio :-)
In effetti probabilmente andrebbero denunciati - ps potevi linkare il tuo nome al tuo blog- ma chi lo puo' fare? Noi?

RomaCogitans ha detto...

Il tuo blog non lo permette più: temo che anche google stia diventando una comunità chiusa, come già è micro$oft...

La critica della precettazione non è rivolta a te ma ai vari giornali che ne hanno parlato, a mio vedere inopportunamente.

Chi può denunciarli? Il Comune, e se ci fosse la class-action, i romani.

Per la cronaca non ho ammazzato nessun poliziotto: non mi interessa finire in TV... detesto il voyeurismo, attivo o passivo che sia.