lunedì 21 maggio 2012

Fermiamo la distruzione di Villa Borghese: petizione email

sopra: Villa Borghese "invasa" dai Tir per la preparazione di Piazza di Siena 2011

Come l'anno scorso questo Blog si mobilita per l'ennesimo scempio che si sta compiendo in questi giorni nel cuore verde della Capitale: il Concorso ippico a Villa Borghese.

Le gare dei cavalli durano solo quattro giorni (24-27 maggio), ma La Villa storica viene occupata per oltre due mesi (molta parte dei quali per montare e smontare le strutture).
Il Concorso perde ogni anno dal 20 al 30 percento di spettatori (vedi foto), ma gli Organizzatori continuano a espandere il giro d'affari (6 milioni di euro,  secondo i dati F.I.S.E. 2012) con stand, ristoranti, discoteche e villaggi commerciali a uso e consumo degli sponsor.
Tra l'altro da questa occupazione di suolo pubblico il Comune ricava solamente 4.823 EURO (proprio così: quattromilaottocentoventitre euro! Questo secondo la documentazione ottenuta dal Municipio II con la legge sulla trasparenza). A fronte di questa cifra, la Villa subisce danneggiamenti che non hanno prezzo:

1. Gran parte del Parco non è più utilizzabile da parte di cittadini e turisti, e proprio nella stagione migliore: barriere e recinti vengono posti ovunque, oltre ad impalcature, gruppi elettrogeni, pedane... La parte più centrale e bella del Parco viene occupata dal transito costante di mezzi pesanti che qui sono vietati per legge. Trattori, gru telescopiche e perfino Tir sono presenti per mesi e transitano per le strade e sui prati della Villa, costituendo un pericolo per bambini e adulti, oltre che una fonte notevole di rumore e smog.

 2. Piazza di Siena e la vegetazione centenaria circostante sono danneggiate in modo irreparabile. Le impalcature e gli stand si appoggiano e trafiggono, ogni anno, siepi e alberi pluricentenari, rovinandoli irreparabilmente (vedi foto del 2011). La vegetazione secolare di Villa Borghese è protetta, insieme alla Villa, come monumento storico (d.l.42 del 2004 e sue modifiche e integrazioni, Sito di Interesse Comunitario Ue, legge regionale sul Paesaggio n.24/98, Carta di Firenze, Unesco). Il Parco non può essere trattato alla stregua di uno stadio!

3. L’ovale di Piazza di Siena è inagibile tutto l’anno: per secoli al centro dell'ovale di Piazza di Siena vi era un manto erboso che era ripiantato ogni anno. Recentemente quel prato è stato sostituito da sabbia mista a materiali sintetici. E per risparmiare, è stato deciso di lasciare la sabbia tutto l'anno.
Un tempo su quell'area nota per secoli come "il Prato dei romani"  si giocava a palla, adesso non è più possibile, la sabbia, infatti, non è fruibile neanche dai bambini perché intrisa di materiale peloso sintetico e trattiene l'umidità. Oltre a ciò, sono stati alterati l'ambiente naturale e il paesaggio storico del Parco in modo arbitrario.

La manifestazione di Piazza di Siena, in sintesi, provoca danni a questa Villa storica, ne impedisce l'utilizzo per due mesi l'anno ai cittadini e in definitiva potrebbe costituire un vero e proprio danno erariale. Tutto questo a beneficio esclusivo degli organizzatori e degli sponsor!

Tutte le associazioni che difendono la Villa, gli Amici di Villa Borghese, Italia Nostra, Legambiente, il Fai, si sono espresse contro la realizzazione del Concorso ippico, così com’è diventato oggi, nel Parco storico. Gli Amici di Villa Borghese hanno addirittura comunicato che il cantiere del Concorso è stato avviato prima ancora che fossero richiesti i pareri alle autorità competenti. Importanti quotidiani hanno ripreso ed appoggiato la protesta, ma il Comune continua a concedere che il Parco sia distrutto ogni anno un po' di più.

Se anche Voi non ci state, potete copiare il testo della mail seguente ed inviarlo a questi indirizzi:


A: segreteriaparticolare@comune.roma.it, ufficiostampa@comune.roma.it, giammario.nardi@comune.roma.it, patrizia.pavone@comune.roma.it, sovraintendenza@comune.roma.it, umberto.broccoli@comune.roma.it, giovannaalberta.campitelli@comune.roma.it, patrizia.cavalieri@comune.roma.it, ld.ambiente@comune.roma.it, mariacostanza.pierdominici@beniculturali.it, dino.gasperini@comune.roma.it, segreteria.vcg@comune.roma.it, viscontipresidente@libero.it, augusto.burini@comune.roma.it, claudio.turella@comune.roma.it, guido.carati@comune.roma.it, antonio.mucci@comune.roma.it, sbap-rm@beniculturali.it, sbap-laz@beniculturali.it, sara.deangelis@comune.roma.it, delegatosport@comune.roma.it, scrivimi@alessandrocochi.it, presidenza@fise.it, segreteria@fise.it, eventi@fise.it, m.solazzi@fise.it, p.silvestri@fise.it, f.gallone@fise.it,  clara.vaccaro@interno.it, giuliana.giaquinto@interno.it, cronacarm@rcs.it, cronaca@ilmessaggero.it , info@cinquegiorni.it, city@rcs.it, cronacaroma@iltempo.it, redazione@omniroma.it , redazione@radiopopolareroma.it , enrico.fontana@paesesera.it, cronaca_di_roma@repubblica.it, romail@rcs.it, leggocronaca@leggoposta.it, miglioraroma@gmail.com, sindaco@comune.roma.it, segreteriacapodigabinetto@comune.roma.it
 


Oggetto: contro il concorso ippico a Villa Borghese

"Gentili Signori,

Vi scrivo per chiedervi di trasferire il Concorso ippico di Piazza di Siena fuori dal Parco storico di Villa Borghese. Questo evento, infatti, crea ogni anno notevoli disagi per i cittadini, oltre che danni irreparabili alla Villa.

Per due mesi la parte centrale e più bella del Parco è invasa da mezzi pesanti che rendono inagibile la Villa oltre che pericoloso il gioco dei nostri figli. Il Parco viene sequestrato ai cittadini per il vantaggio degli organizzatori e degli sponsor. A farne le spese, oltre a noi, anche piante e alberi monumentali che da secoli adornano questa Villa protetta come monumento naturale, storico e artistico da leggi di Stato, regionali e convenzioni internazionali.

Un "museo a cielo aperto”, famoso a livello internazionale, che noi tutti abbiamo il dovere di rispettare e difendere.

Se è vostra intenzione continuare a realizzare eventi di questa portata, sarebbe doveroso da parte Vostra trasferire Concorso e la relativa fiera che lo contorna (stand, villaggi commerciali e VIP, open bar, discoteche, ecc.) in un luogo alternativo e più consono.

Vi ringrazio e in attesa di un Vostro gentile riscontro Vi porgo

Cordiali saluti,

(nome, cognome, indirizzo)"


--------


Qui potete visionare -e commentare- una galleria di immagini recenti relative a quanto esposto sopra.

Condividi su Facebook

AGGIORNAMENTO del 22 Maggio: Un "Grazie" a Repubblica che ha ripreso questa petizione.

7 commenti:

adolfo matteucci ha detto...

io ho anche suggerito in fondo alla lettera, come luogo idoneo, l'Ippodromo di Tor di Quinto, praticamente quasi sempre inutilizzato.

E' possibile suggerirlo anche nel testo "ufficiale" ?

Vale ha detto...

Salve, ho mandato la mail, mi ha risposto il signor Paolo Conti con questo messaggio: "Gentilissima signora,
Le chiedo una cortesia. Io non sono Alemanno ma solo un povero giornalista che ora ha la posta intasata da questa giustissima protesta. Può aiutarmi a interromperla solo per quanto riguarda il mio indirizzo? GRazie e mi scusi davvero
Paolo Conti"

MiglioraRoma ha detto...

Vale grazie, Conti è stato rimosso dalla lista.

Adolfo grazie probabilmente è una buona idea, l'importante per noi è la salvaguardia della Villa e il rispetto delle leggi poi dove vorranno o potranno spostare il concorso lo decideranno loro, comunque la lettera è una bozza e i lettori possono modificara a loro piacimento, come hai fatto tu, grazie!

vincenzo c g ha detto...

Io oggi pomeriggio ho cercato di far intervenire (con scarso successo) la Municipale, perchè una BMW stava investendo, dentro la villa, mia figlia che scendeva in bicicletta nella serpentina dove hanno piantato igli ippocastani della Toyota.
Mi ero volutamente tenuto alla larga dalla Piazza, per evitare guai: niente da fare; Villa Borghese è invasa dall'arroganza.
E' tutto un parcheggio, una sporcizia, una strafottenza; i turisti stranieri non capiscono perchè la Villa sia tutta chiusa!
Pensate che danno d'immagine stiamo subendo per questi mascalzoni!

MiglioraRoma ha detto...

Grazie a Paolo Conti del Corriere che ieri ha scritto

"Cari lettori, ho ricevuto decine e decine di lettere più o menosimili (di protesta contro la distruzione di Villa Borghese nei 2 mesi dell'allestimento del Concorso Ippico a Piazza di Siena, ndr.). Risultato operativo: posta intasata. Risultato giornalistico:
a memoria di cronista, è il punto più basso della (im)popolarità del Concorso Ippico. Credo sia improcrastinabile un ripensamento. Anche nell'interesse degli organizzatori, ormai alle prese con una crescente ostilità per un impatto ambientale davvero intollerabile. Sarebbe compito di una giunta analizzare il fenomeno. Dico: sarebbe"

Alliandre ha detto...

Ciao, sono un'amante dei cavalli, anche se non del salto ostacoli, e guardo sempre il concorso di Piazza di Siena - che bello, che Class Horse TV lo trasmette nuovamente in TV, come faceva una volta la RAI!

E tuttavia, non posso che concordare con voi: non vivo a Roma, non conosco la situazione, ma sapendo quanto sia complicata l'organizzazione di un concorso internazionale non stento a immaginare che possa essere come affermate. Il che non giustifica gli scempi.
Tra l'altro, Adolfo Matteucci ha ragione: Tor di Quinto sarebbe perfetto, e non credo proprio che dovrebbero avere a lamentarsene proprio i cavalieri, nonostante le ciance della location storica eccetera. Tor di Quinto è altrettanto storica, e tra l'altro in concorso la Villa si vede di sfuggita...
Grazie :)

Ileana ha detto...

Ciao ragazzi, se volete fate un salto sul nostro blog : http://www.weekendout.it , troverete tante idee ed eventi a Roma e .. non solo! :-)