sabato 6 giugno 2009

Non votiamo chi imbratta Roma

Prima di votare, chiediamoci se in Europa vogliamo mandare persone che rispettano la legalità o invece gente che per i propri interessi non si fa scrupolo di imbrattare con i propri poster elettorali una delle città più belle del mondo.
Anche per queste elezioni abbiamo assistito ad una guerra a suon di affissioni abusive per la quale probabilmente sono stati abbattuti migliaia di alberi (da cui viene la carta, che non si può neanche riciclare, a causa della colla), che ci è costata soldi (per fare i poster, che paga il contribuente e per toglierli, se mai succederà, dai posti su cui sono stati affissi) e che vede come principali perdenti i cittadini romani, costretti a vedere ogni giorno la città sporcata da tonnellate di carta.

I partiti che, in barba alle regole, hanno adottato questo metodo non vanno premiati con il voto, ma puniti. Questo è quanto ci arriva dal sito radicale di Fainotizia.it:

"Sono 2026 i manifesti illegali documentati dall'inchiesta partecipativa di FaiNotizia.it, che denunceremo alle Procura della Repubblica di tutta Italia.


Questa è la classifica per partito:

Partito
Manifesti illegali documentati*
%
PD
657
32,43%
PdL
637
31.44%
Partito Pensionati, Movimento per l'Autonomia, La Destra, Alleanza di Centro per la Libertà
163
16.49%
UDC
134
6.61%
Sinistra e Libertà
129
6.37%
Rifondazione/Comunisti italiani
53
2,61%
Italia dei Valori
38
1.87%
Lega Nord
27
1.33%
Udeur
22
1.08%




Potrete non condividere delle battaglie radicali, i modi di portarle avanti, ma non troverete mai un volto radicale affisso su un muro, seduto sulla poltrona di una ASL, di un ospedale, di un consiglio di amministrazione, o partecipe della lottizzazione della Rai. Non lo trovate neppure in questo elenco che riporta i risultati della nostra, vostra, inchiesta, in cui invece trovate tutti, ma proprio tutti, gli altri"

*Nota di questo Blog: documentati dalle segnalazioni arrivate al sito Fainotizia.it.

Sopra: manifesti abusivi del PD in Via Ludovisi (I Municipio).


4 commenti:

Anonimo ha detto...

....tutti eletti i laidi zozzoni....

e tutto scorre,

sperando ache arrivi presto 'sto bar (molto scuro, scurissimo, Atro)

Ave Martì!

kenpachi1 ha detto...

Cara Martina, mi scuso per l'OT:
Penso che anche tu sia al corrente della porcata sulle intercettazioni, e quel che è peggio riguarda anche noi dei blog, con l’obbligo di rettifica.

Sarebbe bello che i Blog Romani diffondessero la notizia, ognuno con le parole e lo stile che vuole.

http://kenpachi1.wordpress.com/2009/06/12/intercettazioni-obbligo-di-rettifica-e-liberta-di-opinione/

Martina ha detto...

speriamo che ne dichiarino l'incostituzionalità kenpachi e altrimenti..disobbedienza civile!!
con la 'velocità' delle cause in Italia se anche ci faranno causa prima che arrivino alla riscossione magari ci sarà una nuova legge, più democratica. Se gli USA sono stati capaci di passare da Bush a Obama c'è sempre speranza che qui si passi da Berlusconi a qualcun altro..

bikecity ha detto...

come hai ragione....comunque quello che mi ha dato piu' fastidio di tutti e' quello:

CARLINO "uno di casa"
...CHE FACCIA COME IL C...